TOP
HomeRefreshing - Bentu Lampade

Dalla discarica al Design: gli oggetti in ceramica di Bentu al Salone Satellite 2017

Me ne rendo conto,
per
i non addetti ai lavori, l’esaltazione di architetti e designer e il
costante martellamento su blog, siti, riviste, su quanto sia
superstrepitosa la Milano Design Week può essere alquanto noiosa.
Si inizia a parlarne due mesi prima e si finisce due mesi dopo.
Un po’ come il Festival di Sanremo.
Per
noi è una grande festa, si scoprono le nuove tendenze, Milano si
trasforma in un vivace palcoscenico di esposizioni, installazioni,
mostre e incontri.
È un’occasione per fare il pieno di novità e confrontarsi con i colleghi. 

Yes,
I know, for non-architects or designers, the never-ending talk about
the
Salone del Mobile
can all be a bit too much at times.
For
an insider however, it is
the
event of the year, a stage for new trends and exhibitions, and an
opportunity to meet new people.


In questo enorme e variegato carosello, prima che i piedi mi
facciano male e prima di avere la testa e la scheda della macchina
fotografica troppo piene, quest’anno ho deciso di fare tappa, prima di
tutto, al Salone Satellite che quest’anno è alla sua ventesima edizione.

So
as not to risk missing out due to sore feet, lack of camera memory
card space – or physical memory space – I decided to kick off my
trip by visiting the
Salone
Satellite
which celebrated
its 20
th
edition this year.

Stamattina ho varcato la soglia della Fiera e sono andata dritta al Padiglione 22.
I
visitatori erano ancora pochi, e i giovani designers ancora freschi e
riposati, così sono riuscita a fare molte piacevoli chiacchierate.
Quest’anno
tra i progettisti presenti al Salone satellite c’era una massiccia
presenza di giovani provenienti da Giappone e Cina, a seguire l’Europa
del Nord con presenze da Finlandia, Olanda, Belgio e Germania, ovviamente
erano presenti i nostri giovani designers, c’era una delegazione dal
Politecnico di Milano, e qualche presenza dalla Spagna e dall’America
del Sud (Argentina e Brasile).

Avrei voluto fare un
riassunto di tutti i magnifici lavori che ho avuto modo di apprezzare ma
il racconto di queste due giovani designers Cinesi mi ha colpito
particolarmente.

 

Upon arriving at the Milan fairgrounds, I
headed straight for Padiglione 22’s
Salone
Satellite
.
Away
from the rush and push of the rest of the Salone, the young designers
were energetic yet relaxed, and before too long I was casually
chatting away with my new acquaintances.
This
year, most of the young designers were from Japan and China, however
there were also exhibitors from Northern Europe (Finland, Holland,
Belgium, Germany), as well as Italy, Spain, Brazil and Argentina.
I
would have liked to write about all of them, but l have decided to
concentrate on the extremely interesting and inspiring work of two
young ladies from China. 
BENTU DESIGN
CinaBentu
è un brand indipendente nato nel 2012. La loro filosofia prevede la
ricerca di un Design che si accordi con i bisogni quotidiani e che sia
il risultato di un uso consapevole dei materiali e delle nuove
tecnologie nel rispetto dell’ambiente. I loro progetti spaziano dall’
arredo indoor e outdoor, apparecchi illuminanti e decorativi,
Nella
mia chiacchierata con le due giovani designers è emersa la loro
preoccupazione per il grave inquinamento ambientale del loro Paese.
L’industria produce molti scarti di lavorazione e il loro impegno
riguarda anche un loro possibile riutilizzo.
Il grande agglomerato urbano di Foshan,
pur dando sostegno al lavoro con una delle più importanti produzioni
industriali di ceramica e di cemento al mondo è, d’altro canto,
responsabile dei 4 milioni di tonnellate di scarti di lavorazione
prodotti ogni anno.
Il materiale di scarto prodotto dai cementifici
e dalle industrie ceramiche, purtroppo non degradabile, viene
trasportato (legalmente e non), nei remoti villaggi rurali, dove
occupa interi appezzamenti di terreno, filtrando nelle falde acquifere
con l’aiuto delle piogge.

 

Bentu
is an independent design brand that was founded in Forshan, China, in
2012 and that works in the field of product design and innovation, as
well as integrating design with manufacturing.
Bentu’s
products are made for everyday use. 
Its
lighting, home furnishing, outdoor furniture and wall decoration
products are simple, free of unnecessary decorations and are all made
with recycled ceramic industry waste materials.
The
two young designers explained to me how one of their main concerns
was the level of pollution in China.
Their
hometown of Forshan not only boasts the largest ceramic industry in
the world, but is also the world’s largest producer of ceramic
waste.
This
waste material is taken to remote villages where it is dumped
illegally, polluting the land and its waterways. 

I giovani designer di Bentu sono
consapevoli del fatto che l’umanità ha bisogno di produrre e consumare,
per sopravvivere e non c’è modo di fermare la grande produzione
industriale.
Ma non per questo è necessario ignorare il problema.
Il loro intento è usare gli scarti per produrre semplici oggetti di uso quotidiano.
Così
gli scarti della ceramica e del cemento, sminuzzati, diventano il
materiale principale per la realizzazione di tavoli, panche, librerie, sedie e
lampade.
Un esempio sono queste sospensioni Shang realizzate nel 2015, oppure il tavolino Zhua, del 2014, con base in acciaio verniciato.
Gli stessi materiali riciclati vengono utilizzati per lo sgabello da bar e il tavolo Shen.

The
designers at Bentu are aware of man’s need to produce and consume,
as well as the fact that slowing down global industrial production is
virtually impossible.
They
do not however use this as an excuse to ignore the problem.
Their
mission is to use waste materials to produce simple objects for
everyday use.
Therefore,
smashed ceramic and construction waste is used to produce tables,
benches, bookshelves, chairs and lamps.
Take
Bentu’s
Shang
(2015) lightshade for example, or its
Zhua
(
2014) coffee table.
The
same recycled materials are used to produce the “A” bar
stool and the “Shen” table.

 

 

 

Lo stand di Bentu al Salone Satellite 2017

 

Bar Stool

 

Tavolo Shen
Tavolo Shen

Sul loro sito potrete vedere molti altri lavori, tutti caratterizzati da un’elegante pulizia formale.
Le
creazioni e la filosofia di queste giovani ragazze è, oltre che
l’espressione della loro specifica creatività, anche l’espressione
dell’evoluzione del loro Paese nel quale la coscienza ecologica e anche
un nuovo modo di produrre (più qualità e meno quantità) inizia pian
piano a prendere piede. Da grande fabbrica del mondo, la Cina inizia
lentamente a investire sulla formazione dei suoi giovani, incentivando
start up e finanziando ricerca e sviluppo.
È anche questo che si
respira al Salone Satellite, non soltanto idee per nuovi oggetti di
consumo ma come questi ragazzi vedono il mondo, ognuno dalla propria
posizione, più o meno privilegiata.

Se quest’anno non avete avuto modo di partecipare, fateci un pensiero per il 2018, save the date, 17-22 aprile.

The
Bentu website hosts a wide range of elegantly designed products.
The
work and philosophy of Bentu’s young designers are not only an
expression of their own creativity but that of the evolution that
China is undergoing, where ecological awareness and new production
methods (higher quality and smaller quantities) are taking root. 
China
has begun investing in education for the younger generations,
providing economic incentives for start-ups and financing research
and development.
The
most surprisingly inspiring aspect of the
Salone
Satellite
was not only the
new design production ideas, but also how young designers see
the world, and interpret it through their differing points of view. 

Enjoy Your Home!

Traduzione a cura di Agenzia TLC

 

Se vi è piaciuto questo post, fate click sul pulsante g+ in cima alla pagina a sinistra (o in basso, alla fine del post, se state leggendo la versione Mobile).
Il pulsante g+ premia la qualità dei contenuti sul web, e il lavoro di chi scrive.
A chi clicca non costa nulla ma è un riscontro importante per chi pubblica.
Potete anche lasciare un commento nel form apposito.
I commenti e le critiche sono i benvenuti!

Posta un commento

2 × 3 =