mercoledì 11 luglio 2018

Solvinden, la lampada solare di Ikea: sfruttare il sole per rischiarare la sera


Da un po' di tempo ero alla ricerca di una lampada da utilizzare durante i nostri viaggi in camper. Volevo qualcosa che facesse un po' di atmosfera all'esterno, sotto il tendalino, dove siamo soliti cenare durante le nostre vacanze itineranti. L'idea era quella del filo di lampadine, dal gusto un po' nordico, quel tipo di illuminazione pinterizzata e instagrammata a più non posso dall'inizio della stagione estiva. 

Insomma, con tutte le limitazioni del caso che mi impone il camper (o i cuscini decorativi o l'abbigliamento minimo indispensabile), l'atmosfera che mi sarebbe piaciuto ricreare in vacanza è questa:


Ed è proprio per cercare quei fili di lampadine che ho fatto una fuga lampo all'Ikea (25 minuti cronometrati dall'ingresso alle casse). Poi è capitato il prevedibile...che è quella cosa che capita sempre quando vai all'Ikea: non compri quello che pensavi ti servisse, ma tutt'altro.
Infatti, arrivata al reparto Outdoor la mia attenzione si è spostata dai fili di lampadine a un oggettino  che mi ha catturato tanto da farmi rischiare di non vincere il record per minor tempo di sosta all'ikea.  Se mi seguite su Instagram sapete già qual è questo oggetto perchè ve l'ho anticipato nelle Stories... eccolo: 


Ovviamente ho preso la scatola per leggere tutte le caratteristiche e, oltre la forma simpatica che a me ricorda tanto le vecchie lanterne a gas, sono state proprio quelle a convincermi a lasciar perdere il filo di lampadine (per adesso....;-) ) per prendere lei.
Solvinden è una lampada ad energia solare. Ha al suo interno una batteria che dura due anni e poi può essere sostituita (eh...già...dettaglio importante). E' sufficiente esporla al sole per 9 ore (se il cielo è coperto invece, per fare il pieno di energia ne servono 12) per avere poi 12 ore di illuminazione calda e soft per la vostra terrazza, il vostro giardino o...il vostro camper.
Non serve batteria, non servono prese, tutto semplicissimo. 
In più, oltre  a poter essere poggiata sul tavolo, proprio come una lanterna, ha la possibilità di girare di 360gradi e poter essere trasportata o appesa, legandola o facendo passare un filo attraverso il supporto.

Tutto questo e il costo superdemocratico di 14.99€ mi hanno lasciato con l'unico dubbio se sceglierla gialla o grigia...dubbio durato pochissimo perchè, nonostante io abbia tutta la casa grigia, il giallo è uno dei miei colori preferiti e, per l'estate, l'atmosfera all'aria aperta, il tavolo da pranzo del camper è sicuramente il colore perfetto. 






Dopo averla usata per qualche giorno mi ritengo molto soddisfatta per l'acquisto: ha una luce calda e soft, crea la giusta atmosfera la sera e ha una autonomia veramente sorprendente.

Ci tengo a precisare che questo post non è in alcun modo sponsorizzato (che vuol dire che purtroppo nessuno mi ha pagato per scriverlo :-) ), è solo quello che avete letto: il racconto di un acquisto fatto per un'esigenza reale e testato sotto il sole cocente e sotto il tendalino del mio camper per ben quattro giorni di fila. 

Se volete esplorare il mondo delle luci decorative da esterno Ikea, potete seguire QUESTO LINK  .

Enjoy Your Home!

Se vi è piaciuto questo post fate click sul pulsante g+ proprio qui sotto. Il pulsante g+ premia la qualità dei contenuti sul web e il lavoro di chi scrive. A chi clicca non costa nulla ma è un riscontro importante per chi pubblica. Potete anche un lasciare un commento nel form apposito. I commenti e le critiche sono i benvenuti!





mercoledì 4 luglio 2018

Case Vacanza: ispirazioni per cucine smart!

L'ispirazione per questo post è stata una passeggiata in una località marina dell'alto Adriatico fatta in una domenica per nulla soleggiata, lungo stradine affollate di casette,  molte delle quali ancora in attesa di essere aperte per la stagione estiva.
Chi di voi ha la fortuna di possedere una casa al mare o in montagna , si è trovato sicuramente nella situazione drammatico-creativa di dover pensare all'arredo e alla personalizzazione di questi spazi che hanno il compito di accogliere attesissime giornate di ricarica e relax. Situazione creativa perchè, nelle case vacanza, abbiamo la licenza di uscire dagli schemi , di lasciarci ispirare dall'atmosfera del luogo, marino, montano o rurale che sia. Situazione drammatica perchè spesso le case vacanza mettono alla prova la creatività, con le loro dimensioni ridotte e anche perchè, essendo usate per periodi limitati di tempo, il budget che si decide di mettere a disposizione per il loro arredo e decorazione, spesso  è  limitato. 
Qualche volta le case di vacanza vengono anche date in affitto e, in questi casi, si vorrebbe che gli arredi fossero restistenti e facili da gestire.
Anche per le piccole case di vacanza, l'arredo più impegnativo, dal punto di vista economico e progettuale è  la cucina. Per quanto piccoli siano gli spazi e per quanto poco ci si dedichi alla preparazione dei pasti quando si è in vacanza, la cucina richiede sempre una attrezzatura e uno sviluppo minimo e razionale, per essere comoda .
Prendendo spunto da un trend molto attuale, ho raccolto alcune immagini di ispirazione per chi volesse pensare il proprio angolo cottura in una casa di vacanza. Sono cucine in muratura, realizzate a volte con materiali di recupero, spesso senza nessuna anta a chiusura dei ripiani, con i pochi strumenti indispensabili in vacanza lasciati a vista. Sono arredi che avranno, nel tempo, bisogno di poca manutenzione, finita la stagione estiva si ripongono piatti e pentole negli armadi e le operazioni di pulizia ed eventuali piccole riparazioni durante la chiusura e riapertura della casa risulteranno sicuramente ridotte. 
Alcune di queste cucine si trovano in immobili caratteristici e di particolare pregio ma nessuno vi proibisce di prendere ispirazione per il vostro appartamentino al mare, anche se si trova in un condominio degli anni '70.









 
1.   2.   3.   4.   5.   6.   7.   8.  9.  10

Quest'ultima immagine è un'idea decor molto carina per realizzare delle tendine, perfette per un angolo cottura al mare, con pochissima spesa e pochissimo lavoro.

Chi mi segue sul blog sa che la mia casa vacanze è il camper, che io considero romanticamente una casa in ogni luogo. L'unica pecca del camper è che non dà molto spazio alle possibilità di personalizzazione. Quando si viaggia, soprattutto se si è in quattro persone in pochissimi mq tutto deve essere ridotto all'indispensabile.
Ma se un giorno dovessi converire il camperino con qualcosa di stanziale, la cucina che realizzerei per la mia casa vacanza prenderebbe ispirazione proprio da queste. Voi cosa ne dite? Riduzione degli oggetti e semplificazione di uso o tradizionale cucina componibile anche in vacanza?

Enjoy Your Home!

Se vi è piaciuto questo post fate click sul pulsante g+ proprio qui sotto. Il pulsante g+ premia la qualità dei contenuti sul web e il lavoro di chi scrive. A chi clicca non costa nulla ma è un riscontro importante per chi pubblica. Potete anche un lasciare un commento nel form apposito. I commenti e le critiche sono i benvenuti!